CHI SIAMO

FORMAZIONE
Psicologa, psicoterapeuta sistemica della persona, della coppia e della famiglia, iscritta all’Albo degli Psicologi e degli Psicoterapeuti del Piemonte. Terapeuta EMDR (desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari).
Laureata in Psicologia Clinica e di Comunità presso la Facoltà di Psicologia dell’Università degli Studi di Torino nel 2002 e specializzata presso il Centro Eteropoiesi di Torino, Istituto di Psicoterapia Sistemica nel 2009.

ESPERIENZA
Dal 2005 lavora privatamente come psicologa e psicoterapeuta con adulti, coppie e famiglie.
Dal 2007 svolge l’attività di consulente presso la LILT (Lega Italiana Lotta Tumori) - delegazione di Alba.
Dal 2008 svolge l’attività di consulente presso il Consorzio Socio Assistenziale Alba-Langhe e Roero (equipe adozioni sovrazonale e centro famiglie).
È conduttrice di gruppi volti alla prevenzione e al trattamento psicologico delle problematiche connesse all’individuo, alla coppia e alla famiglia.


FORMAZIONE
Psicologa, psicoterapeuta sistemica della persona, della coppia e della famiglia, iscritta all’Albo degli Psicologi e degli Psicoterapeuti del Piemonte.
Laureata in Psicologia Clinica e di Comunità presso la Facoltà di Psicologia dell’Università degli Studi di Torino nel 2002 e specializzata presso il Centro Eteropoiesi di Torino, Istituto di Psicoterapia Sistemica nel 2009.

ESPERIENZA
Dal 2008 lavora privatamente come psicologa e psicoterapeuta con adulti, coppie e famiglie.
È conduttrice di gruppi volti alla prevenzione e al trattamento psicologico delle problematiche connesse all’individuo, alla coppia e alla famiglia.

Abbiamo maturato una decennale esperienza nel settore, conducendo individualmente sedute con adulti e in co-terapia (entrambe presenti in seduta) con coppie e famiglie.
Forniamo una diversificata gamma di prestazioni: consulenza, sostegno psicologico, sostegno alla genitorialità, psicoterapia a breve e a lungo termine.
I principali disagi di cui ci occupiamo sono: ansie, attacchi di panico, depressioni, separazioni, problemi legati alla coppia, alla famiglia, al lavoro o all’insorgere di malattie, lutti, stress, disturbi psicosomatici, ipocondriaci, alimentari, ossessioni e compulsioni.

AMBITI DI INTERVENTO

In seguito ad un primo colloquio conoscitivo proponiamo una consulenza psicologica finalizzata alla comprensione del problema e alla ricerca di eventuali strategie di intervento.

La psicoterapia individuale adulti ad orientamento sistemico-relazionale pone al centro del suo interesse l’individuo e le relazioni: la persona viene aiutata a soffermarsi soprattutto sui legami significativi del passato e del presente, per potersi rendere conto dell’influenza che questi hanno sulla propria visione del mondo e sulle proprie modalità comportamentali. 

L’individuo, attraverso il colloquio con il terapeuta, verbalizza sensazioni, sentimenti, stati d’animo, affetti che gli creano sofferenza e possono essere causa di: ansia, depressione, problemi relazionali in ambito familiare, lavorativo o sociale, insicurezza, incapacità di prendere decisioni, fobie, attacchi di panico e altri disturbi della sfera psicologica ed emotiva.
Il terapeuta sistemico-relazionale si pone come obiettivo quello di aiutare la persona a dare un senso alla sua sofferenza, trovando giovamento dal raggiungimento di tale consapevolezza.

La psicoterapia sistemico-relazionale di coppia viene condotta in co-terapia, ovvero con la presenza in seduta delle due terapeute.

È finalizzata alla gestione dei conflitti e delle problematiche in ambito coniugale e/o genitoriale.

Tale psicoterapia si può definire come un percorso di tipo relazionale che permette alla coppia di raggiungere una nuova stabilità all’interno del proprio sistema.

Il nuovo assetto che raggiungerà la coppia in seguito alla psicoterapia è il risultato dell’obiettivo che la coppia si prefigge: la coppia si serve dell’aiuto delle psicoterapeute per decidere quali sono le questioni da discutere, i problemi da risolvere e il tipo di lavoro terapeutico da intraprendere.

La coppia sarà condotta ad analizzare la relazione tra i coniugi, soffermandosi sull’importanza della trasmissione affettiva delle rispettive famiglie d’origine, sulla conoscenza riguardo al come e quando i problemi sono affiorati, su quali tentativi di riavvicinamento sono stati sperimentati.

Una terapia di coppia non mira a mantenere unita la coppia ad ogni costo, ma cerca di capire qual è la condizione migliore per il raggiungimento di una maggiore serenità.

La psicoterapia sistemico-relazionale familiare viene condotta in co-terapia, ovvero con la presenza in seduta delle due terapeute. È finalizzata alla gestione dei conflitti in ambito familiare (soprattutto con figli adolescenti) e sposta la sua attenzione dal membro “portatore del sintomo” della famiglia a tutti i suoi componenti, rilevando come ogni membro del sistema influenza il comportamento degli altri.

La famiglia, intesa come il sistema di riferimento principale nell’esperienza emotiva di una persona, è il primo contesto all’interno del quale i sintomi assumono un ruolo preciso per il funzionamento relazionale delle persone che ne fanno parte.

Gli incontri di gruppo sono rivolti a singoli, coppie coniugali e/o genitoriali e possono diversificarsi in:

  • gruppi di consapevolezza e sostegno (eterogenei o omogenei per fascia di età e/o problematica espressa);
  • gruppi di psicoterapia (eterogenei o omogenei per fascia di età e/o problematica espressa);
  • gruppi di formazione/informazione (corsi, seminari, convegni).

L’EMDR (desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari) consiste in un metodo utilizzabile all’interno di un percorso di psicoterapia per il trattamento dei problemi emotivi causati da esperienze di vita disturbanti o veri e propri traumi. Tale metodo permette una desensibilizzazione rapida nei confronti dei ricordi traumatici e una ristrutturazione cognitiva che porta ad una riduzione significativa dei sintomi (stress emotivo, pensieri invadenti, ansia, flashback, incubi).
L’EMDR vede la patologia come informazione immagazzinata in modo non funzionale e si basa sull’ipotesi che c’è una componente fisiologica in ogni disturbo o disagio psicologico. Quando accade un evento "traumatico" viene disturbato l’equilibrio eccitatorio/inibitorio necessario per l’elaborazione dell’informazione, provocando il "congelamento" dell’informazione nella sua forma ansiogena originale, nello stesso modo in cui è stata vissuta. Questa informazione "congelata" e racchiusa nelle reti neurali non può essere elaborata e quindi continua a provocare patologie come il disturbo da stress post traumatico (PTSD) e altri disturbi psicologici.

L’EMDR, attraverso l’utilizzo dei movimenti oculari o altre forme di stimolazione alternata destro/sinistra, ristabilisce l’equilibrio eccitatorio/inibitorio, provocando così una migliore comunicazione tra gli emisferi cerebrali. Si basa su un processo neurofisiologico naturale, legato all’elaborazione accelerata dell’informazione.
L’EMDR viene usato nel trattamento delle seguenti patologie:

  • disturbi post traumatici da stress causati da traumi unici o ripetuti (incidenti, violenze, aggressioni, abusi, terremoti, inondazioni)
  • attacchi di panico e disturbi d’ansia in seguito a piccoli o grandi traumi subiti durante il ciclo di vita (malattie, lutti, perdite finanziarie, conflitti, cambiamenti).

L’EMDR viene anche utilizzato per:

  • alleviare l’ansia da prestazioni
  • rafforzare le risorse interne con l’obiettivo di migliorare la funzionalità delle persone sul lavoro, nello sport, nelle situazioni di esposizione in pubblico.

Sito ufficiale italiano: www.emdritalia.it

ORIENTAMENTO

sistemico-relazionale

L’elemento distintivo di tale modello di psicoterapia è l’integrazione tra il sistema famiglia e la persona.
Secondo l’approccio sistemico-relazionale, i sintomi e il disagio del singolo individuo sono il risultato di un interscambio complesso tra: caratteristiche personali, qualità delle relazioni significative (contesto familiare e sociale in cui si è vissuti e si vive), capacità di autovalutazione della propria situazione. La psicoterapia sistemico-relazionale si pone l’obiettivo di dare un senso agli eventi presenti e passati, chiarire il chi siamo in relazione alle vicende della nostra storia, per poter individuare le risorse utili a vivere al meglio il presente.